Allam a Bologna: “uscire dall’Euro e mettere la persona al centro della politica”

magdi 1“Bisogna divulgare gli errori dell’Euro e lottare per riottenere la sovranità monetaria”. Così Magdi Cristiano Allam, oggi a Bologna per presentare il suo programma “Salviamo gli Italiani” in un incontro promosso dal gruppo di Fratelli d’Italia di Bologna, si scaglia contro l’Euro e “quest’Europa dei banchieri e dei burocrati”. L’eurodeputato e capolista nel Nord-Est per Fratelli d’Italia alle prossime elezioni europee torna ad attaccare la moneta unica, iniziando così la campagna elettorale.

Uscire dall’Euro

E’ ormai indubbio che il tema dell’uscita dalla moneta unica sarà al centro della prossima tornata elettorale e nessun partito – nemmeno i più grandi – potrà eludere l’argomento. Il 50% degli italiani, infatti, è critico sull’Euro e difficilmente si fida dell’Unione Europea come istituzione. Questa fetta di elettorato, dunque, farà gola a molti. “Ma “No euro” non può essere solo uno slogan”, sottolinea Allam alludendo ad altri movimenti (vedi Cinque stelle) critici anch’essi verso la moneta unica: “bisogna concepire l’uscita dall’Euro come parte integrante di un nuovo progetto di società che veda la persona al centro di tutto”.

L’Italia è allo stremo, colpita dalla crisi ed impoverita a causa “di uno stato insolvente che impone una tassazione insostenibile e non paga i debiti alle imprese”. Molti italiani sono sotto la soglia di povertà, per questo – continua l’eurodeputato – è ormai “necessario recuperare la sovranità monetaria perduta con l’ingresso nell’area Euro”. Perché “fare impresa in Italia, nonostante le nostre eccellenze, è ormai impossibile”: i dati, infatti, parlano di una riduzione drastica dei prestiti concessi alle imprese e quelli che arrivano sono a “tassi usurai”. “Le banche – continua l’Eurodeputato – prendono a prestito il denaro dalla Bce ad un tasso dello 0,25 % e lo girano (poco spesso) agli italiani con un tasso medio del 10%.” Bisogna uscire da questa spirale che mette la ricchezza tutta “nelle mani delle Banche”. Per questo Allam ha deciso di fare un esposto alla procura della Repubblica per denunciare le Banche e lo Stato, rispettivamente per i tassi usurai applicati e per l’imposizione fiscale più alta al mondo.

magdi 4Guerra finanziaria

“La questione monetaria deve tornare al centro della vita politica” italiana, volutamente distratta da altri argomenti: Ius soli, legge elettorale e accordo Renzi-Berlusconi. Lo stato ha bisogno di denaro per far girare l’economia. Ma l’Euro blocca questo circolo. Recuperare sovranità monetaria significherà riconquistare anche quella politica, ormai nelle mani dei burocrati di Bruxelles: “l’80% delle nostre leggi è solo la trasposizione delle direttive europee” – chiosa Allam.

Non solo. La ricostruzione dell’ex giornalista dell’adesione italiana alla valuta comunitaria e le sue conseguenze porta direttamente alla comprensione che “siamo in una guerra finanziaria”. E i colonnelli della formazione avversaria indossano le vesti di molti politici e “tecnici” conniventi con la truffa che sta “trasformando i cittadini in strumenti”, scordandosi della centralità dell’uomo. Un esempio è Mario Monti, il quale ha “giurato il falso sulla Costituzione“, gestendo la cosa pubblica per conto d’istituzioni finanziarie e non del popolo italiano. L’appello, dunque, è alla disobbedienza civile contro un sistema che sta commettendo il “crimine di rendere povero un paese ricco”. Uscire dall’Euro permetterà di evitare la morte economica di un paese schiacciato dalla crisi e impossibilitato a riprendersi a causa della moneta unica.

“Il problema non è la gestione dell’Euro, ma è l’Euro ad essere il problema dell’Italia”, conclude Allam, che cercherà di far avverare l’incubo di Enrico Letta (e molti altri): “un parlamento comunitario fortemente euroscettico”.

Giuseppe De Lorenzo

Annunci
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Euroscettici. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Allam a Bologna: “uscire dall’Euro e mettere la persona al centro della politica”

  1. at ha detto:

    Condivido

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...