Il Nuovo Centrodestra è l’inutile copia di Forza Italia

459-0-20131116_192134_1156CEE8La mossa degli alfaniani, colombe, governativi (chiamateli come vi pare, ma non traditori: non è carino verso chi dovrà tornare – prima o poi – alla casa del “padre”), non è stata molto intelligente. È evidente, almeno per quanto detto da Alfano nella conferenza stampa di ieri per la presentazione del nuovo movimento, che la voglia di andarsene dal Pdl, o meglio di non entrare in Forza Italia, era davvero poca. “Non avremmo mai voluto assumere la decisione di non aderire alla nuova Forza Italia”, ha detto Angelino-leader-del-futuro. Ed è davvero così: il Nuovo Centrodestra non ha un simbolo, non ha una base, non ha un programma e non ha i numeri – se non quelli di Palazzo – per dirsi “il movimento del futuro”.  Ma “c’è speranza”. Beati voi.

La brutta copia

450005425-586x397Qualcuno doveva forse comunicare ad Alfano che la presentazione del programma di Forza Italia era la mattina all’Eur, non nel primo pomeriggio nella sala stampa dei quotidiani esteri. Infatti, a sentire le parole del delfino senza il quid (che pensa di aver trovato: sarà vero?), il programma del Nuovo Centrodestra è un copia e incolla di quello che fu scritto in campagna elettorale per il Pdl, che era diventato il cavallo di battaglia della compagine del centrodestra nelle larghe intese e, in fondo, sono le stesse cose uscite dalla bocca di Berlusconi nel suo discorso fiume alla rifondazione di FI. Meno tasse, meno stato, meno Equitalia: la “classica ricetta liberale”. Per non farsi mancare nulla, il capo dei governativi ha battuto più volte il martello su temi come l’immigrazione e il ”siamo l’alternativa alla sinistra”. E poi Bipolarismo, addio alla Bicamerale perfetta, elezione diretta dell’esecutivo. Niente di nuovo sotto il sole, ci verrebbe da dire. E così è: se Alfano avesse presentato questo programma alla convention dei nuovi forzisti, avrebbe strappato applausi. Anche ieri l’ha ottenuti, ma dai suoi “colleghi di frattura” e da qualche giornalista della stampa estera. Quella che ha non molto in simpatia il “padre politico” di Angelino ed esulta spesso alle diaspore dalle formazioni politiche del Cav. Manca solo l’apprezzamento di Repubblica e l’eterno riposo politico delle colombe è assicurato.

Un piccolo strappo nel programma politico del NC esposto da Angelino, però, c’è: la quasi totale assenza di riferimenti alla vicenda giudiziaria di Berlusconi. “Anche in caso di decadenza, voteremo la fiducia al governo”, ha detto Alfano, evidenziando qual è l’unico motivo – se mai non fosse stato chiaro – della frattura con FI: il governo non si tocca. È una scelta, che qualcuno potrebbe dire “responsabile”, ma politicamente sciocca. L’avevamo detto qualche giorno fa: Alfano deve portare il centrodestra oltre Berlusconi, non contro. Così non ha fatto, preferendo creare un partito opposto al Cavaliere. Gli elettori, finita l’esperienza del governo Letta e decaduto così l’unico motivo di esistere del Nuovo Centrodestra, andranno davvero alle urne per mettere la croce sul nuovo simbolo? Forse qualche reduce e nostalgico della “cosa bianca” ci potrebbe cascare, ma non sono tanti.

Il futuro del Centrodestra

cdlIl leader del Nuovo Centrodestra, spesosi tutta la sua vita politica alle spalle del Cav per “l’unità dei moderati”, non ha ucciso il Pdl. Quello si è ammazzato da solo, con l’aiuto di Fini. L’esperienza del Popolo delle Libertà ha evidenziato che in Italia, purtroppo o per fortuna, non siamo fatti per il bipartitismo. Già il bipolarismo ci sta stretto, figuriamoci convogliare le innumerevoli differenze delle ancor più numerose correnti delle varie aree politiche in un grande partito. Berlusconi (e in parte anche il Pd) ci ha provato, ma non è andata bene. Ben venga, quindi, un ritorno alla Casa delle Libertà o quello che sarà: un nome diverso darebbe almeno l’illusione che qualcosa in vent’anni sia cambiato.

Eppure viene da chiedersi: in una coalizione simile, quando tra qualche mese Letta sarà un ex Primo Ministro (12 è un’esagerazione, Angelino), che senso avrà avere due partiti uguali, FI e NC? Due gemelli che, in quel momento, non avranno più il punto di scontro – la fiducia al governo Letta – che li ha divisi ieri. Nessuna logica, e probabilmente le pecorelle smarrite vorranno (o saranno costrette) a tornare nell’ovile. A quel punto, però, Alfano non avrà più la legittimazione per essere il nuovo leader.

L’elettore berlusconiano l’ha dimostrato già altre volte: perdona con difficoltà sgarbi simili.

Giuseppe De Lorenzo

Annunci
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Politica italiana, Tutti e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il Nuovo Centrodestra è l’inutile copia di Forza Italia

  1. At ha detto:

    Divagazioni di psico-politica!
    Probabilmente glielo avevano detto, che la presentazione del programma di FI era all’Eur. Angelino (ma si chiamerà così o Angelo?) è entrato, ha visto le prime file della riunione, e anche qualcuna più indietro, vecchi signori della politica, vecchie belle signore di venti anni fa adesso tutte rifatte, e deve essersi spaventato. Certo, anche da lui c’erano i Giovanardi, i Cicchitto, i Formigoni!!!! E fuori il popolo di destra era tutto all’Eur. Ma deve aver realizzato che, quid o non quid, Berlusconi non è eterno; non tanto politicamente, perchè da buon animale di razza sarà capace di essere incisivo fino alla morte vera, ma per le leggi di natura. Allora ha pensato di crescere. E per crescere, lui che è nato con Berlusconi e è stato condotto per mano da lui, deve commettere il parricidio altrimenti sarebbe solo sempre il figlio (non sono stati parricidi quelli commessi da Fini e da Casini che figli non sono mai stati). Come dire che Angelino sta passando dalla infanzia politica alla “adolescenza” e vedremo se diventerà grande. Potrebbe darsi che stia cercando di affrancarsi dal padre senza distruggerlo -come dire: una adolescenza non ribelle!-, stia cercando di trovare una identità nello stesso sistema, stia tentando di costruire un futuro che non può essere lontano per questioni anagrafiche. Per questo non teme di dire che non è contro Berlusconi, per questo non necessariamente deve essere originale sul piano delle idee, per questo ha già detto che l’alveo naturale della sua formazione è accanto a FI. E questo non è assurdo: comincia a raccogliere quei berlusconiani che, invecchiando loro stessi, guardano oltre il “cerone” e si interrogano non solo sull’oggi ma anche sul domani. In FI chi sta pensando a questo, chi verrà dopo Berlusconi? Devo anche dire che Berlusconi a tratti si comporta da “buon padre” difronte al tentativo del figlio che vuole essere indipendente: non lo distrugge, non lo punisce, non lo disereda! Si prepara ad accettarlo vicino e diverso come è naturale che sia. Non so se il dopo Berlusconi sarà effettivamente Alfano, ma certo qualcosa deve cominciare a muoversi in questo senso. Anche Renzi prova a fare questo nel PD e il suo compito non è più facile (leggere i commenti sarcastici del “papà” Baffino!); anche Letta è giovane per la politica italiana e così una parte dei ministri del governo. Lasciatemi almeno godere di questa novità anagrafica della politica italiana che la fa almeno in apparenza somigliare a quella di altri paesi con età media dei politici “da figli” e non da “nonni”, anche se dovesse essere solo per poco. Certo è difficile essere figli politici se i padri fanno come Saturno! E Berlusconi sembra che non lo stia facendo. Almeno io lo spero!

    • ideaoccidente ha detto:

      L’errore di Alfano è che poteva essere lui il “dopo Berlusconi” in FI, ma non è stato in grado di diventarlo. Il fatto che abbia partecipato con forza come segretario del PDL al ritorno a Forza Italia dimostra che aveva voglia anche lui di tornarci e il motivo della rottura è solo l’appoggio al governo Letta. Ma…sarebbe potuto essere il leader di FI?

      Alfano è stato incapace di trovare uno spazio convincente alle spalle di Berlusconi che lo legittimasse in toto come leader. Con Alfano candidato premier alle ultime elezioni, indubbiamente avremmo ora Bersani primo ministro e Prodi Presidente della Repubblica (Dio ce ne scampi!).

      La differenza con Renzi è tutta qui, lui infatti è stato capace di costruirsi una leadership in opposizione al “vecchio”, ma non ha avuto la necessità di spaccarlo.

      Ora Alfano difficilmente andrà oltre il 5% e si è probabilmente giocato la leadership nel centrodestra. Mossa intelligente?

      G.DL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...