I primi premi per Giannino e Fini

Prima del responso delle urne, dobbiamo già consegnare due premi importanti ad altrettanti eccellenti protagonisti della sfida elettorale. Il primo, è un Oscar del Giornalismo. E chi potrebbe meritarlo, se non il famoso pluri-laureato e detentore di un prestigioso master in Economia, il leader di Fare per Fermare il Declino? Chissà se anche il nome, Oscar, se lo è inventato o – direbbe lui – qualcuno lo ha scritto all’anagrafe a sua insaputa al posto di un meno prestigioso “Paolo”.

giannino-giornalista-economico-tempi-jpg-crop_displayGiannino il giornalista lo sapeva fare bene e di economia, al di là dei titoli fasulli, ne capisce. Inoltre, – anche questo bisogna ammetterlo – tra i tanti che aspirano ad un posto da parlamentare e da Presidente del Consiglio, non è di quelli che l’ha combinata più grossa. Però della trasparenza e dell’onestà ne aveva fatto la bandiera del suo movimento, il motto di quell’idea politica che gli piaceva sottolineare essere nata insieme ad importanti economisti con cattedre in prestigiose Università d’Europa. Insomma, gente con credenziali di rispetto. E mica ci si può presentare a mani vuote: tutti dottoroni e te una nullità. Eppure, ai suoi elettori non sarebbe interessato poi più di tanto del curriculum, perché la politica professata e le idee economiche, in fondo, erano credibili. Anche senza un master ad attestarlo. A Giannino, dunque, il suo Oscar. Un complimento, però gli va fatto: nonostante ci stia provando a diventare un politico, mentire non gli riesce ancora bene. Nei video che lo sbugiardano, infatti, quando dichiara di aver preso un master a Chicago la voce si assottiglia, evidenziando l’imbarazzo nascosto. Inoltre, ha rassegnato le dimissioni: se saranno vere e verranno confermate anche quando (e se) diventerà parlamentare, allora non ci esimeremo dal regalargli un encomio.

L’altro importante riconoscimento, invece, è un premio alla carriera. Gianfranco Fini sono decenni che siede in Parlamento, gli ultimi dei quali sullo scranno più alto della Camera.

fini-bambini-platea-219172_tnMica male, per uno che veniva da quella destra per tempo esclusa dall’arco parlamentare. Ma il riconoscimento non se lo merita per questo:  se è arrivato dove è di certo non lo deve alle sue capacità politiche, ma a Berlusconi. Il premio lo vince perché non è da tutti riuscire a distruggere tre partiti, abbandonare tutti i valori professati, tradire gli elettori e concludere la carriera dimenticato da tutti, con un partito allo “zero-virgola-qualcosa”. Il suo ultimo intervento pubblico da leader di Futuro e Libertà è stato un enorme fallimento. Meno di 50 persone con tanti bambini, trascinati lì con un invito politicamente davvero importante: “vedrai che se vieni e applaudi, dopo Fini ti regala un ovetto Kinder”. La sua carriera politica è giunta al termine: Fli avrà difficoltà ad entrare alla Camera e se anche un posticino per lui fosse comunque riservato, la sua parola non conterà più nulla. Nella sua carriera ha raggiunto dei risultati così negativi che sarà difficile eguagliarlo. Il premio è tutto suo.

Annunci
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Politica italiana, Tutti e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...